Tipologie DIFETTI, analisi e SOLUZIONI

Tipologie DIFETTI, analisi e SOLUZIONI

Operare un solo orecchio o tutte e due le orecchie?

In certi casi a prima vista sembrerebbe essere necessario intervenire su un solo orecchio.
In questi casi a volte anche la paziente può essere indecisa se operarsi a entrambe le orecchie o effettuare la correzione di un solo orecchio e chiede il nostro consiglio e punto di vista.

ANALISI DELLE ORECCHIE
In questi casi assume importanza un'attenta analisi delle orecchie.
Non solo il confronto tra le due orecchie, l'analisi cioè della sporgenza dei corrispondenti settori tra le due orecchie.
Ma occorre focalizzare l'attenzione sull'orecchio sul quale la paziente è in dubbio se intervenire o meno. In particolare occorre esaminare la sporgenza dei singoli settori, parte alta, parte centrale, parte bassa,  rispetto a un asse ideale del padiglione auricolare.
Occorre chiederci e chiedere alla paziente se le va bene l'aspetto e la sporgenza, perché in caso di decisione di otoplastica monolaterale  l'altro orecchio verrà fatto uguale a questo. Avrà cioè due orecchie uguali a quello non operato.

L'orecchio di sinistra  è più sporgente rispetto a quello di destra sia a livello della parte alta che della parte centrale che della parte bassa.

L'orecchio di destra, parte molto attaccato a livello  della parte bassa e della parte centrale e sporge un po' (anche se meno rispetto al contro laterale) a livello della parte alta.
Il fatto che l'orecchio è molto attaccato a livello della parte bassa e della parte centrale, fa si che l'asse del padiglione non sia favorevole, presenta cioè un'inclinazione verso l'esterno, anziché essere dritto verticale.
La sporgenza anche di poco della parte alta dell'orecchio, su un asse del padiglione già inclinato verso l'esterno, spiega la non completa soddisfazione della paziente circa l'orecchio in questione, in quanto da un impressione di un orecchio che va in fuori nella parte alta.

In questo momento la sporgenza della parte alta dell'orecchio dx, non si vede tanto, perché l'attenzione viene attirata dall'orecchio sinistro.

Se si decidesse di intervenire solo sull'orecchio di sinistra, dopo l'intervento, le due orecchie sarebbero  uguali a quello di destra, con aspetto di orecchie un po' sporgenti nella parte alta.
La paziente, che richiede un'otoplastica, come naturale che sia, è molto sensibile ai particolari e  probabilmente non sarebbe pienamente soddisfatta delle orecchie e si rammaricherebbe di non averle corrette  tutte due.
Sarebbe sempre possibile a questo punto correggerle tutte due, ma dovrebbe sottoporsi ad  un ulteriore intervento.

VISITA PREOPERATORIA
Al fine di evitare tutto ciò, avere una paziente pienamente informata e soddisfatta dopo l'intervento, occorre dedicare molta attenzione alla visita preoperatoria.
Nel corso di questa con l'aiuto dello specchio verranno spiegati tutti i dettagli, quale sarà il risultato in caso di otoplastica monolaterale e quale in caso di otoplastica bilaterale. Verrà dato il proprio punto di vista.
Grazie a questa analisi approfondita, la paziente ha realizzato chiaramente che non sarebbe stata soddisfatta in caso di otoplastica monolaterale e ha optato per intervenire su entrambe le orecchie.

 
INTERVENTO
Previa anestesia locale, attraverso incisione posteriore, si è effettuato un intervento calibrato alle due orecchie.
All'orecchio di dx si è fatta rientrare solo la parte alta.
A livello dell'orecchio di sx  si è fatto rientrare la parte alta, la parte centrale e la parte bassa.

(se desideri essere contattato)
(se desideri essere contattato)
privacy
✱ I campi con l’asterisco sono richiesti
privacy
✱ I campi con l’asterisco sono richiesti
privacy
✱ I campi con l’asterisco sono richiesti

Dott. Corrado Andorno

Libero professionista

Lingue parlate

Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e Lode
Specialità in Chirurgia Plastica 70/70 e Lode
25 anni esperienza nell’otoplastica

Back To Top